fotofotofotofotofoto


immagine esempio

Mauro Picone e i Matematici Polacchi 1937 – 1961

AUTORI: Angelo Guerraggio, MAURIZIO_MATTALIANO, Pietro Nastasi

Il lettore troverà nelle pagine di questo volume una documentazione vasta sui rapporti di reciproca stima e di cordiale ammirazione tra due dei principali esponenti della matematica polacca e italiana, Waclaw Sierpinski e Mauro Picone. Il libro esaurito da tempo è oggi disponibile gratuitamente in formato ebook sul sito dell’Accademia Polacca delle Scienze di Roma.

Venire a parlare di matematica a Varsavia, è come portare vasi a Samo», scrisse Mauro Picone settant’anni fa (in una lettera a S. Mazurkiewicz del 10 dicembre 1937), facendo eco al proverbio polacco sull’inutilità di portare legna nel bosco. Quest’affermazione mostra in modo eloquente quanto all’epoca fosse rinomata in Italia la scuola matematica polacca, capeggiata da Waclaw Sierpinski. Era del resto ugualmente tenuta in grande considerazione anche nel resto del mondo, durante il ventennio tra le due guerre. Il presente volume delle Conferenze dell’Accademia Polacca delle Scienze di Roma contiene una documentazione eccezionale e di grande interesse riguardante gli stretti contatti intercorsi alla metà del secolo scorso tra i matematici italiani – in particolare il loro più insigne rappresentante del tempo, il già ricordato Mauro Picone – e i matematici polacchi nel corso di quasi 25 anni. Questo arco di tempo abbraccia tre periodi: una gran quantità di lettere e altri documenti riguardano il biennio prebellico (1937-1939), tra i più ragguardevoli; poche, commoventi lettere si riferiscono al breve e tragico periodo dell’occupazione tedesca in Polonia (1940-1941), in cui molti di questi studiosi trovarono la morte; il più lungo periodo del dopoguerra (1945-1962) presenta infine una documentazione più ampia e variegata. Le fonti scritte sono arricchite dalle molte fotografie scattate durante la visita di Mauro Picone in Polonia nell’aprile del 1939, mentre il periodo postbellico è illustrato da altre fotografie e riproduzioni di alcuni documenti. La documentazione è una preziosa testimonianza non solo dei contatti professionali di Mauro Picone con gli scienziati polacchi, ma anche della situazione politica europea, che proprio in quel periodo mutava diametralmente e drammaticamente: dapprima il fascismo in Italia, poi i crimini di guerra in Polonia e infine il comunismo postbellico. Sono inoltre mostrati molti aspetti della vita quotidiana dell’epoca e di come allora si viaggiava. In una parola, si tratta di una raccolta di fonti storiche che forniscono una grande quantità di preziose informazioni, tali da costituire occasione di ulteriori ricerche da parte degli studiosi di storia contemporanea. Sul contenuto della raccolta naturalmente non ci sono stati interventi, esso è stato completato unicamente da dati e informazioni sulla vita delle persone citate nei testi. Tutti i documenti sono di proprietà dell’Archivio dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo “Mauro Picone” (CNR) di Roma.


Mauro Picone e i Matematici Polacchi 1937 – 1961 

A cura di Angelo Guerraggio, Maurizio Mattaliano, Pietro Nastasi


Editore  ACCADEMIA POLACCA DELLE SCIENZE BIBLIOTECA E CENTRO DI STUDI A ROMA, 2007
Collana CONFERENZE 121
ISSN 0208-5623




LINK: http://www.rzym.pan.pl/images/files/conferenze/Conferenze_121_Matematici.pdf